Sicurezza edifici scolastici – oggi su può

sicurezza-edifici-scolasticiTutti i giorni in Italia per nove mesi all’anno milioni di studenti sono a scuola e gli edifici scolastici sono i luoghi dove passano la maggior parte del tempo. E’ fondamentale quindi che gli istituti garantiscano la sicurezza edifici scolastici.

Molte scuole Italiane sono ospitate in edifici vecchi, costruiti in un epoca in cui non si teneva conto degli attuali requisiti di sicurezza.  L’ attualità ci riporta quindi al tema della sicurezza degli edifici scolastici che manifestano in molti casi segni di degrado e dell’età.

I principali fattori di rischio sono le minacce di sfondellamento e le minacce di carenze statiche. Sicurtecto srl, azienda leader nel settore con più di venticinque di attività nel settore della manutenzione dei solai ha un ampia conoscenza e molte casistiche per affrontare i problemi e offrire soluzioni mirate.

Nello specifico, lo sfondellamento riguarda le parti non strutturali del solaio e consiste nel distacco di porzioni di pignatte e di intonaco.

Quando viene individuato il problema, Sicurtecto interviene rapidamente e nel modo più adeguado:
Sicurtecto® è il sistema di controsoffittatura progettato per risolvere definitivamente il problema dello sfondellamento dei solai. E’ basato su lastre in gessofibrorinforzato, armate con rete in fibra di vetro e fissate a un’orditura di profilati in acciaio zincato, ancorati ai travetti di solaio con un apposito sistema che garantisce una resistenza allo strappo di 150kg. Il tutto è completato da pannelli di polistirolo nell’intercapedine fra lastre e solaio ed è pronto per la successiva tinteggiatura. Questo sistema brevettato è certificato per una capacità portante pari a 160kg . Il vantaggio è che non richiede demolizioni e risolve definitivamente il problema dello sfondellamento.

Protecto® invece è pensato per il rinforzo strutturale del solaio: è un sistema di controsoffittatura, con lastre in gessofibrorinforzato, armate con fibra di vetro ancorate a una struttura portante che utilizza dei profili metallici ad omega in acciaio sp.8/10mm con la funzione di incrementare la resistenza flessionale del solaio esistente. In soli 5cm di spessore Protecto® irrigidisce il vecchio solaio garantendo una capacità portante di 160kg. Entrambi i sistemi sono disponibili anche in versioni specifiche per la sicurezza antincendio, per migliorare la protezione acustica o per la posa in ambienti umidi, in modo da garantire la messa in sicurezza edifici scolastici

Annunci

Librerie componibili – Minimum[book] – sceglie la strada Pure Player

Librerie componibili di design

librerie componibili di design

Ogni Minimum[book] è unica e irripetibile

Per chi ha poco spazio o per chi, invece, può organizzare i propri libri in più zone della casa, le librerie componibili rappresentano una soluzione efficace e creativa per contenere libri e non solo.
Tutte le librerie componibili presentano un progetto base che può variare ed essere personalizzato a seconda del gusto personale o delle dimensioni della casa. Cambiando la disposizione dei vari elementi o aggiungendo accessori, le librerie componibili diventano oggetti d’arredo unici.

Minimum[Book], un nuovo brand italiano di design

MinimumBook è un nuovo brand italiano di design che nasce dall’esigenza di archiviare ed esporre i libri in modo pratico ed essenziale grazie a una serie di modelli di librerie componibili.
Le librerie componibili MinimumBook sono realizzate con materiali di pregio di provenienza italiana e lavorati a mano secondo le regole dell’ebanisteria classica italiana.
Librerie componibili ready-made interamente realizzata con materie prime rare, espandibili e trasformabili in ogni momento.

Le librerie componibili MinimumBook rappresentano la scelta ideale per archiviare i libri, quando la passione per i libri si unisce all’amore per il design italiano e il pregio dei materiali.

Librerie componibili acquistabili solo online

librerie componili

Minimum[book] si acquista esclusivamente online

Le librerie componibili MinimumBook sono acquistabili online sul sito https://www.minimumbook.com, un sito elegante e di qualità, semplice da consultare e in cui è possibile scegliere tra i diversi modelli disponibili.
– la libreria Lavagna è il primo tra i modelli di librerie componibili firmate MinimumBook. Questa libreria di design unisce il pregio del legno di quercia stagionato in radice con il fascino della lavagna di ardesia di cava.
– La libreria Volterra, tra le librerie componibili è il modello creato per i libri più importanti. Una libreria componibile interamente realizzata con materie prime rare di provenienza italiana, caratterizzata da tre barre in acciaio, un set di fermalibri in alabastro di Volterra e una lavagna in ardesia.
– La libreria Sospesa è la libreria modulare che non poggia mai per terra. La libreria componibile Sospesa è dotata di un sistema di fissaggio in acciaio inox per poter organizzare i libri anche negli spazi disponibili sopra ai mobili.
– La libreria Barrique è la più originale tra le librerie componibili MinimumBook. Una libreria componibile dedicata alle collezioni di vini, con un ripiano a ribalta per i libri.

Le librerie componibili MinimumBook possono essere ulteriormente personalizzate con gli accessori disponibili in serie limitata, numerati e firmati dal designer Giuseppe Amato. A tutte le librerie componibili è possibile aggiungere un set di fermalibri di alabastro, una lavagna di ardesia disponibile nei vari formati a seconda della libreria acquistata o un ripiano più profondo e la penna MinimumBook per gli appunti.
Giuseppe Amato, con il supporto del suo staff, inventa e realizza accessori sempre nuovi per tutte le librerie componibili MinimumBook e presto saranno disponibili: tavolo, fermalibri, leggio, ripiano grande, cassetti, scala, sportelli, lampada, portalampada, scrivania, plutei in legno marchiato a fuoco, plutei di ardesia, gambe da centro stanza per la libreria Volterra.

Materiali unici e cultura nelle librerie componibili MinimumBook.

librerie componili Minimumbook

Minimum[book]: legno, acciaio, ardesia, alabastro.

Le librerie componibili MinimumBook sono realizzate solo con materie prime naturali: legno di quercia in radice®, acciaio, ardesia e alabastro.
Il legno di Quercia in Radice® delle librerie componibili MinimumBook è unico. Per realizzare queste librerie componibili è stato adottato un metodo di lavorazione che consente di ottenere un legno dalle caratteristiche estetiche e funzionali uniche. La Quercia in Radice® è ricavata da piante morte per cause naturali prese direttamente da foreste controllate. Il metodo di stagionatura della Quercia in Radice® è indice di una qualità di legno superiore.
Le librerie componibili MinimumBook sono tutte in legno massello in assi uniche, stagionate per resistere a grandi carichi e forti sollecitazioni meccaniche.
In contrasto con le superfici aride del legno di Quercia in Radice® selezionato per le librerie componibili MinimumBook, gioca un ruolo fondamentale la luce riflessa dell’acciaio levigato.
Inoltre, i montanti forniti per le librerie componibili MinimumBook sono barre filettate in tutta la loro lunghezza. Le combinazioni per la collocazione dei ripiani per le librerie componibili MinimumBook è dunque infinita.
A questi elementi si aggiungono la mutevole trasparenza dell’alabastro di Volterra e il nero compatto della lavagna di ardesia.

Tra Idea e mito, le librerie componibili Minimum[book].

minimumbook eratostene di cirene

Una nave di grammatici e filologi del II sec. A.C. naufraga in Sicilia.

L’idea delle librerie componibili MinimumBook nasce dalla storia del naufragio di Eratostene di Cirene, una nave di grammatici e filologi del II sec. A.C. naufragata in Sicilia. La nave viene sepolta dalla sabbia con i suoi preziosi volumi a bordo e se ne perdono le tracce per oltre 2000 anni.
Nel XVIII Sec. un archeologo siciliano, riscopre il sito e l’antico progetto di Eratostene di Cirene: diffondere la parola scritta in tutto il mondo allora conosciuto. Il sogno di Eratostene di Cirene si traduce oggi con la progettazione di Giuseppe Amato dell’intero complesso architettonico: la cartiera, gli archivi e la biblioteca.

L’idea alla base delle librerie componibili MinimumBook, dunque, prende vita dall’antica ambizione di diffondere la parola scritta nel mondo, recuperando i valori e la storia della tradizione artistica e artigianale.
Un concept declinato in tutte le librerie componibili del brand MinimumBook e di tutto ciò che ruota intorno al libro.

Il progetto MinimumBook nasce con la realizzazione di diversi modelli di librerie componibili di design che oggi sono nelle case di tutto il mondo.
Il Progetto del design e creativo Giuseppe Amato non è esclusivo solamente nei prodotti ma anche per la scelta del modello di vendita Pure Player.
https://www.minimumbook.com.

eCommerce per vendere. eCommerce b2c. eCommerce Digital Agency

Nel settore B2c c’è molta concorrenza, e creare un ecommerce di successo non è cosa semplice. Essere competitivi è la parola d’ordine, ed è necessario avere buoni prodotti a costi sensibilmente più bassi rispetto ai negozi perché si abbiamo molte conversioni. Senza il prodotto un ecommerce B2c può essere studiato nei minimi dettagli ma non potrà mai decollare e guadagnarsi quote di mercato.

ecommerceDetto questo, per essere competitivi su web bisogna che la navigazione sia studiata in profondità, e che metta l’utente in condizione di trovare facilmente i prodotti che è intenzionato ad acquistare. Per fare questo ecommerce.fe-el.com, studia una user experience positive basate su prototipi. Mette diversi utenti di diversa natura e cultura sempre in target con i potenziali acquirenti, a navigare il prototipo del sito e analizza i risultati. Questo serve a creare una navigazione efficace e funzionale.

eCommerce.fe-el.com è un dipartimento di Fe-el digital agency studiato strategicamente per far fronte alle forti richieste di e-Commerce, mettendo a disposizione del cliente figure professionali verticali, in grado di soddisfare migliorare sensibilmente il ROI.
Il reparto specializzato in eCommerce di Fe-el studia l’ecommerce sia dal punto di vista funzionale che creativo, ponendo grande attenzione alla comunicazione del brand e alla scelta delle immagini e dei contenuti. Un ecommerce di successo non può non tener conto della creatività, che non deve essere fine a se stessa, ma deve essere al servizio del ROI mettendo in evidenza i prodotti e le loro caratteristiche più importanti. Un utente attraverso la scheda prodotto deve vederlo, toccarlo, sentirlo proprio, e capirne le caratteristiche.
Un buon ecommerce deve offrire sempre un’immagine positiva dei prodotti che vende, creando una user experience all’altezza del brand. Creatività e navigazione devono quindi lavorare insieme per garantire acquisti e riaquisti. L’offerta deve essere accompagnata da suggerimenti, un prodotto deve sempre avere dei prodotti correlati, dare spunto al cliente per acquisti multipli.

La scontistica e coupon possono garantire un ritorno all’acquisto di un utente che non compra da tempo, ma possono generare anche la registrazione di nuovi clienti, devono essere usate strategicamente in funzione del magazzino e della strategia aziendale.
La piattaforma software è importante perchè deve consentire di poter far fronte a molte custumizzazioni in funzione dei prodotti venduti, del targhet di riferimento, della navigazione, e dei filtri di ricerca e della sicurezza. I server devono essere configurati a regola d’arte possibilmente utilizzando reverse proxy per incrementare le performance.
eCommerce Fe-el Digital Agency crea inoltre ecommerce responsive design, cioè in grado di essere visibili da diversi device, con differenti user exeperience. Il numero di utenti che acquistano da tablet e smartphone è in aumento ed un ecommerce di livello deve essere in grado di vendere da ogni dispositivo. In particolare i tablet considerati strumenti di navigazione da divano, registrano buone percentuale per quanto concerne gli acquisti online.

Un ecommerce b2c per vendere non può fare a meno di essere semplicemente trovato dai motori di ricerca, attraverso campagne sem e seo.
Fe-el eCommerce posiziona sui motori di ricerca i propri ecommerce in maniera strategica, attraverso soluzioni innovative e dai risultati efficaci, ottimizzando il codice html, i contenuti (seo onsite) e facendo link building di qualità (SEO Off site). Infatti per posizionare bene un sito o un ecommerce una digital agency deve avere strumenti avanzati per creare link esterni al sito in modo da indicare ai motori di ricerca la bontà del medesimo (link popularity).

Fe-el eCommerce è la strada giusta da percorrere per chi vuole creare eCommerce di successo.

Ecommerce Herbalife

HerbalifeHerbalife è un’azienda che utilizza i sistemi di distribuzione di network marketing. In Italia questa tipologia di distribuzione non è ancora molto diffusa per la vendita, ma sicuramente prenderà piede. Non tutti i network marketing sono uguali, Herbalife è uno dei migliori per serietà e organizzazione. Questo modello permette ai distributori di ottenere guadagni sia dalla vendita che da commissioni sulle vendite dei cosiddetti distributori in downline. Questo modello è sia un sistema equo che meritocratico per chiunque. . Herbalife Italia S.p.A. è iscritta ad organi di tutela del Consumatore come AVEDISCO e Federsalus.
Herbalife è fornitore nutrizionale di atleti come Messi e Ronaldo, la Federazione italiana nuoto, Tania Cagnotto ecc.
Un marchio che attraverso la qualità e l’ innovazione scientifica, ha saputo promuovere i propri prodotti per merito. Oggi di ecommerce che vendono prodotti Herbalife ce ne sono molti, ma noi di Ecommerce B2C abbiamo voluto analizzarne uno in particolare. Al contrario degli altri ecommerce nel nome del dominio non nasconde nessuna H e nessuna Hlife, dieta ecc.
herbalife dietaSi chiama Benessere Oggi (Responsive Design), ed è un ecommerce unico per le sue caratteristiche. Le voci di menu, indicano al cliente già da subito quali prodotti possono essere di suo interesse, grazie anche ad una tendina che al mouse over permette di vedere sottosezioni e prodotti. Quindi un utente già da una prima scollata di mouse può individuare la categoria che fà al caso suo come ad esempio Colazione Equilibrata, sotto la quale troverà due sottocagorie, Kit colazione equilibrata e prodotti colazione, contenenti i prodotti. Va comunque visto per capire la cura con cui è stata studiata la navigazione e l’usabilità, e la semplicità con cui si riesce a trovare il prodotto adatto alle proprie esigenze

Ogni sezione ha un header rappresentativo, un contenuto che introduce i prodotti della sezione, i prodotti, ed un contenuto che chiude la pagina, che spiega nel dettaglio a cosa servono, e quali sono le proprietà. Possiamo cosi accedere ai sottolivelli e alla scheda prodotto.

La scheda è curata nei minimi dettagli, proprio perchè è li che si gioca l’acquisto, o la messa nel carrello. Confido che dopo averne letti un pò li avrei acquistati tutti, incredibile.

In generale, un ecommerce unico nel suo genere e con molti contenuti anche riguardanti Herbalife, la scienza dei prodotti, la nutrizione Herbalife, e le testimonianze dei campioni che si nutrono quotidianamente con i prodotti Herbalife.

Si aggiunge il blog che da informazioni generali sulla nutrizione, su come usare i prodotti in alternativa ai pasti classici ecc.

Un ecommerce che punta molto sui prodotti ma anche su fare informazione corretta ed equilibrata cosi da mixare call to action a contenuti. Questo è molto interessante specialmente per i prospect che ancora non conoscono i prodotti e vogliono avere informazioni aggiuntive.

eCommerce B2c in Italia cresce ma stenta a decollare, in usa cresce il Mobile.

La fotografia di Netcomm in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano descrive che il settore ecommerce sopratutto abbigliamento e turismo sono in aumento non ostante la persistente difficoltà per l’economia italiana.

Il fatturato stimato per il 2013 è di 11,2 miliardi di euro facendo registrare un aumento rispetto all’anno precedente del 17%, risultato apprezzabile, ma ancora scarso rispetto alla compagine europea. Ecommerce europe infatti ha stimato un incremento complessivo delle vendite online per il 2012 del 22% ed un fatturato complessivo di oltre 305 miliardi di euro.

Negli Stati Uniti invece arrivano dati interessanti da comScore che confermano come il mobile ecommerce abbia raggiunto a fine 2012 l’ 11% sulle vendite complessive online per un fatturato di 18,6 miliardi di dollari. L’ ecommerce mobile in U.S.A nel 2010 era il 3% delle vendite online. Il report elaborato da BI Intelligence rileva come uno dei driver dello shopping online in mobilità sia tutt’ora quello dei coupon, con un numero di utenti pronti ad utilizzarli per fare acquisti sul Web destinato a salire oltre quota 53 milioni l’anno entro il 2014.

Questi dati dimostrano come la progettazione di un ecommerce responsive design sia sempre più una esigenza e sempre meno un lusso, ed avrà un impatto positivo, per chi ne farà uso, nei prossimi anni sulle vendite online.

Micropersuasione dai giganti della Comunicazione

Io sono un fan di booking.com, un sito web di prenotazione di hotel. Devo acora vedere un sito che usa delle strategie di persuasione migliori di loro, devono averlo come valore nel DNA aziendale.

Con oltre 300.000 prenotazioni al giorno booking.com può essere usato come punto di riferimento se si vogliono implementare strategie di persuasione di successo.

Quindi andiamo a vedere nel dattaglio come funzionano queste strategie di micropersuasione. In un ipotetico percoso di prenotazione di un Hotel che è sicuramente il primo obiettivo di conversione, tu hai alcuni piccoli passi da eseguire primo tra tutti devi scegliere un posto, poi selezioni una data, metti in confronto gli hotel e leggi le opinioni.

Quando hai scelto un hotel prenoti una stanza, dopo aver fatto questo inserisci i dettagli e hai finito.

Andiamo a vedere nel dettaglio la scelta dell’hotel e del tipo di stanza:

Immagine

Riguardo a questo hotel stai scegliendo (comportamento microdesiderato). Ha molte buone recensioni ( Riprova sociale ). E’ apparentemente una buona offerta e si consiglia di acquistarlo presto (scarsità). L’ ultima prenotazione è di 19 minuti prima che enfatizza la scarsità. Tutte piccole tecniche di persuasione.

Persuade la gente prenotare una stanza specifica ma lasciando visibili i percorsi per prenotare le stanze di qualità superiore in modo da incrementare il desiderio di acquisto immediato. Questo è aumentato ulteriormente dal fatto che ci sono solo 5 stanze prenotabili.

Questo è un ottimo esempio come attraverso micromodifiche nei contenuti dell’ ecommerce si può aumentare il ritorno sull’ investimento spingendo il cliente ad acquistare.

Fonte (econsultancy.com)

Ecommerce o commercio elettronico, riusciranno le piccole imprese a competere?

I recenti dati del settore digital in italia mettono in evidenza che siamo all’inizio di una nuova fase. I nuovi compratori stanno aumentando notevolmente, e le imprese stanno iniziando ad affrontare il tema dell’ internazionalizzazione. Nella storia italiana l’ ecommerce ha avuto diverse fasi, inizialmente si sono affacciate a questo mercato solo quelle società di servizi che sviluppano la maggior parte del proprio business attraverso un sito web ed Internet (pure player) rivolgendosi ad un consumatore tecnologico, poi si sono affermati i modelli multicanale o Click & Mortar dove il consumatore poteva acquistare sia attraverso la distribuzione tradizionale che digitale.
Nel luglio 2012 l’osservatorio Netcomm/Human Highway ha messo in risalto un incremento di quasi 3 milioni di nuovi acquirenti online.
La crisi sicuramente ha contribuito a questo fenomeno rompendo di indugi e spingendo i consumatori a fare un balzo del 30% negli acquisti online, grazie anche a forti sconti dovuti alla forte riduzione dei costi di gestione.
L’ ecommerce italiano rimane comunque molto arretrato rispetto a tutti gli altri paesi occidentali. Solo il 15% degli italiani fanno acquisti online, e sono molteplici i freni inibitori, la scarsa cultura tecnologica, il ritardo della scuola, la pessima diffusione della banda larga, il ritardo dell’ offerta sono solo alcuni dei motivi principali.

L’ ecommerce B2c è un terreno molto competitivo, e lo diventerà sempre di più, con l’ aumentare della maturità del mercato. I costi per acquisire clienti saranno sempre maggiori e la screscità sarà condizionata dalla capacità di investimento. Purtroppo le dimensioni conteranno sempre in maniera più incisiva, più che altro per il potere di negoziazione nei confronti dei fornitori che poi determina la capacità di essere competitivi in termini di prezzo mantenendo margini di guardagno ragionevoli.
Riusciranno piccoli imprenditori e aziende a cogliere l’opportunità del momento, conquistarsi notorietà e una fetta di mercato abbastanza consistente da poter competere e crescere? Riusciranno le imprese ad affiancarsi ad un partner che sappia guidarle negli investimenti?